Contributi alle famiglie per: canoni di locazione, utenze domestiche e generi alimentari

D.L. n. 154/2020 e n. 73/2021; Deliberazione di G.C. n. 189 del 17/09/2021. La presentazione delle istanze scade il 31.12.2021 alle ore 12.00

1. Finalità e determinazione dei contributi
• Interventi a sostegno delle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione (con esclusione dei canoni agevolati, ovvero calcolati sulla base della capacità economica della famiglia), inclusi i costi derivanti da locazioni, volte a soddisfare esigenze di emergenza abitativa transitoria;
• Interventi a sostegno delle famiglie per il pagamento delle utenze domestiche;
• Interventi di solidarietà alimentare sotto forma di “buoni spesa”.
Le tre fattispecie di contributo (per locazione, utenze domestiche, buoni spesa) sono cumulabili fra loro.
La determinazione dei contributi avviene come indicato in tabella contenuta nell'avviso pubblico sotto scaricabile.
Ai nuclei percettori di reddito di cittadinanza sarà applicata una riduzione del 20% al contributo “locazione”, rispetto agli importi sopra riportati.

Per ciascun intervento verrà formulata mensilmente una graduatoria secondo le seguenti priorità:

  1. nuclei familiari al cui interno è presente un componente con età inferiore a 65 anni con disabilità (riconoscimento della condizione di handicap secondo la L.104/92);
  2. nuclei familiari monogenitoriali (così come risulta dall’anagrafe comunale);
  3. nuclei familiari che, alla data della domanda, vedono al loro interno la presenza di uno o più minori;
  4. a seguire tutte le altre domande pervenute.

All’interno di ogni “categoria”, così come precedentemente descritta, le domande verranno ordinate per ISEE crescente. In ogni caso i nuclei percettori di reddito di cittadinanza saranno collocati in fondo alla graduatoria complessiva.

Le graduatorie mensili per ogni singolo intervento (locazione, utenze domestiche e buoni spesa) saranno elaborate nel rispetto dei tempi di seguito indicati:
- graduatorie settembre: rientrano le domande pervenute al protocollo comunale entro le ore 12.00 del 30/09/2021;
- graduatorie ottobre: rientrano le domande pervenute al protocollo comunale entro le ore 12.00 del 29/10/2021;
- graduatorie novembre: rientrano le domande pervenute al protocollo comunale entro le ore 12.00 del 30/11/2021;
- graduatorie dicembre: rientrano le domande pervenute al protocollo comunale entro le ore 12.00 del 31/12/2021.
 

2. Beneficiari dei contributi
Sono beneficiari dei contributi i nuclei familiari residenti nel Comune di Martellago al momento della presentazione della domanda. Il nucleo familiare deve disporre di un’attestazione ISEE in corso divalidità (ISEE ordinario o corrente) uguale o inferiore a € 13.391,82. In ogni caso la motivazione della richiesta dovrà essere ricondotta agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19.
 

3. Domanda di contributo - termine di presentazione
Ciascun nucleo familiare potrà presentare una sola istanza di contributo. Il presente bando pubblico rimane aperto fino alle ore 12.00 del 31/12/2021, con formulazione mensile di graduatorie e successiva liquidazione, fino ad esaurimento dei fondi disponibili.
Il richiedente dovrà presentare la domanda utilizzando l'istanza sotto scaricabile.

Alla domanda devono necessariamente essere allegati:

  • copia di un documento di identità del richiedente;
  • permesso di soggiorno o carta di soggiorno (per i cittadini extracomunitari);
  • eventuale documento di riconoscimento dello stato di handicap (L.104/92);
  • eventuale documentazione attestante la titolarità di locazione e utenze domestiche;
  • indicazione dell’IBAN mediante attestazione dell’istituto di credito presso il quale sarà liquidato il contributo (tale indicazione viene meno solo qualora il richiedente non sia in possesso di un conto corrente).

La domanda, unitamente alla documentazione allegata, potrà essere inviata a mezzo posta elettronica (e-mail) all’indirizzo info@comune.martellago.ve.it o PEC
comune.martellago.ve@pecveneto.it oppure consegnata a mano all’Ufficio Protocollo fissando preventivamente un appuntamento al n. 041 5404183.
Il formato dei documenti telematici dovrà essere .PDF o comunque formati che consentano l’immediata e chiara leggibilità dei documenti. Quest’ultima condizione vale anche per le istanze consegnate a mano. Nell’invio telematico, domanda e allegati dovranno essere presentati in un unico file.
 

4. Comunicazione di ammissione e di erogazione dei contributi e cause di esclusione
A seguito dell’istruttoria da parte del Servizio Servizi Sociali a ciascun richiedente verrà inviata una comunicazione in merito al riconoscimento o meno dei contributi,all’indirizzo di posta elettronica (e-mail) indicato nella domanda. I contributi verranno erogati nella modalità indicata nella domanda: mediante conto corrente del richiedente ovvero pagamento in contanti presso la Tesoreria comunale.
Non saranno ammesse le domande:

  • presentate in formati che non consentano l’immediata e chiara leggibilità;
  • compilate in maniera incompleta;
  • prive del tutto o anche in parte della documentazione richiesta;
  • trasmesse al di fuori del termine sopra indicato.
     

5. Trattamento dei dati
I dati forniti dai soggetti che richiedono di partecipare al presente bando verranno trattati nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs. n. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali, come integrato dal Regolamento UE 2016/679 e dal D.Lgs. n. 101/2018, per le finalità strettamente necessarie all’espletamento delle attività connesse al presente Avviso.
 

6. Responsabile del procedimento e per informazioni
La Responsabile del procedimento è la Responsabile del Settore Servizi Socio-culturali, Dott.ssa Giorgia Goffo. Ogni informazione o chiarimento in ordine al presente avviso possono essere richiesti via e-mail all'indirizzo: servizisociali@comune.martellago.ve.it o contattando il numero 041 5404125-121.
 

7. Verifica delle dichiarazioni rese
Il Comune di Martellago procederà, su tutte le richieste pervenute, al controllo delle dichiarazioni rese nelladomanda di partecipazione, tramite le Banche Dati accessibili alla Pubblica Amministrazione. Si procederà, inoltre, a ulteriori controlli sulle domande ritenute idonee e finanziate. Nei casi di dichiarazioni false si procederà, ai sensi dell'art. 76 del DPR 445/2000, con denuncia all'AutoritàGiudiziaria per i reati penali e le sanzioni civili conseguenti