Reddito di inclusione

Una nuova misura di contrasto alla povertà

Che cos'è e come funziona
Il Reddito di inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà dal carattere universale, condizionata alla valutazione della condizione economica, introdotto con il Dlg. del 15/9/2017 n.147.

Il Reddito di inclusione (REI) prevede congiuntamente:

  • un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI);
  • un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa finalizzato al superamento della condizione di povertà.


Chi ne ha diritto
Il REI sarà erogato a partire dal 1 gennaio 2018 ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti:

Requisiti di residenza e soggiorno

  • essere cittadino italiano, comunitario o familiare di cittadini italiani o comunitari, non avente la cittadinanza in uno Stato membro, titolare del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, oppure cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • essere titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
  • essere residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

Requisiti familiari
Il nucleo familiare deve trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:

  • presenza di almeno un componente di età minore di anni 18;
  • presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o tutore;
  • presenza di una donna in stato di gravidanza accertata;
  • presenza di un componente del nucleo famigliare lavoratore di età pari o superiore a 55 anni che si trovi in stato di disoccupazione.

Requisiti economici
Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:

  • un ISEE in corso di validità non superiore a 6.000 euro;
  • un ISRE (l’indicatore della situazione reddituale dell’ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore ai 3.000 euro (calcolato in automatico dall'ISEE);
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti, etc.) non superiore a 10.000 mila euro (ridotto a 8.000 euro per due persone e a 6.000 euro per la persona sola).

Nessun componente del nucleo deve:

  • percepire prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o di altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • possedere autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
     

Modalità presentazione domanda
A partire dall’11 Dicembre 2017 il richiedente in possesso dei requisiti sopra descritti può presentare domanda, necessariamente in modalità assistita, presso l’Ufficio Servizi Sociali previo contatto telefonico (Tel. 041/5404120).

La domanda deve essere presentata dall’interessato o da un componente maggiorenne del nucleo familiare. Non saranno accolte domande presentate in altre modalità. La misura non prevede una scadenza per la presentazione delle domande.


Documentazione da allegare alla domanda
Al momento della presentazione della domanda allo sportello è necessario essere in possesso di:

  • copia documento di identità in corso di validità;
  • permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e permesso di soggiorno dei familiari del cittadino italiano o comunitario;
  • copia dichiarazione ISEE valida e DSU. Se nel nucleo familiare è presente uno o più componenti di minore età, sarà considerato l'ISEE minorenni;
  • documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica che attesti lo stato di gravidanza (non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto)
  • i documenti relativi a contratti di lavoro di qualsiasi natura, e di tutti i componenti il nucleo familiare, successivi al 1 gennaio dell’anno di riferimento dei redditi dichiarati in ISEE.