Bando per l'assegnazione di lotti E.R.P. (lottizzazioni volume >10.000 mc)

Titolo del procedimento
Bando per l’assegnazione di lotti ERP nei Piani di lottizzazione con volumetria superiore ai 10.000 mc.


Descrizione del procedmento
I lottizzanti che non intendano procedere alla realizzazione dei fabbricati destinati all’ERP informano il Comune affinché indica un bando per l’individuazione di altri soggetti attuatori.


Fonti normative di riferimento
Art. 12 delle NTO del P.R.G. - P.I.
Regolamento comunale per la realizzazione di aree ERP. Consultare la sezione Regolamenti


Ufficio resposabile del procedimento
Settore Assetto del Territorio - Servizio Urbanistica - S.I.T. (Sede e recapiti: consultare la sezione Uffici e Servizi)


Responsabile del procedimento/istruttoria
Responsabile del Settore Assetto del Territorio (Sede e recapiti: consultare la sezione Uffici e Servizi)


Responsabile dell'adozione del provvedimento finale
Responsabile del Settore Assetto del Territorio 


Soggetto al quale rivolgersi in caso di inerzia
Con Deliberazione di Giunta Comunale n. 63 del 28.2.2013 il potere sostitutivo in caso di inerzia, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2 della legge n. 241/1990, è esercitato dal Segretario Generale del Comune di Martellago al quale andrà inoltrata apposita istanza di richiesta di attivazione del potere sostitutivo (Sede e recapiti del Segretario Generale: consultare la sezione Uffici e Servizi)


Strumenti di tutela in favore dell'interessato
Gli strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale, ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione, ed i modi per attivarli sono i seguenti:

contro il provvedimento gli interessati possono proporre ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale Veneto entro 60 giorni dalla notifica dell'atto, come previsto dall'art. 29 del D. Lgs. n. 104/2010, oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla notifica dello stesso, come previsto dagli artt. 8 e 9 del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199.


Termine del procedimento
90 gg dalla data di pubblicazione del bando all’Albo pretorio (Regolamento comunale di disciplina dell’azione amministrativa e del diritto di accesso, consultabile nella sezione Regolamenti).


Requisiti per il rilascio del provvedimento finale
I requisiti sono quelli indicati all’art. 4 del “Regolamento Comunale per la realizzazione delle aree ERP:

a) per le Cooperative di abitazione:

  • iscrizione al Registro Prefettizio;
  • iscrizione al Registro delle imprese presso le competenti Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato, ovvero presso i registri professionali dello Stato di provenienza, con indicazione della specifica attività di impresa;
  • presentazione presso la C.C.I.A.A., Ufficio Registro delle imprese, del bilancio annuale relativo agli ultimi due esercizi per i quali i termini sono scaduti;
  • cariche sociali regolarmente in atto;
  • iscrizione allo schedario Generale delle Cooperative o loro consorzi. 

b) per le Imprese di costruzione costituite anche in forma cooperativa e loro consorzi:

  • inesistenza di violazioni gravi, definitivamente accertate, attinenti l’osservanza delle norme poste a tutela della prevenzione e della sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • inesistenza di violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contribuzione sociale secondo la legislazione italiana o del paese di residenza e iscrizione alla Cassa Edile Mutualità ed Assistenza;
  • volume d’affari risultante dalla dichiarazione IVA degli ultimi due anni almeno pari al costo presunto dell’intervento realizzabile sul lotto/i richiesto/i inerente alla categoria di lavori OG1;
  • iscrizione da almeno due anni al Registro delle imprese presso le competenti Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato, ovvero presso i registri professionali dello Stato di provenienza, con indicazione della specifica attività di impresa;
  • inesistenza di procedure di fallimento, di concordato preventivo, di amministrazione controllata e di amministrazione straordinaria;
  • aver ottemperato agli obblighi dei contratti collettivi di lavoro.


Documentazione richiesta per il rilascio del provvedimento

  • Dichiarazioni sostitutive di certificazione e/o di atto di notorietà
  • Documento d'identità valido


Avvio del procedimento
Di parte


Tipo di parere o di valutazione tecnica
Obbligatorio


Sospensione del procedimento
1. Sospensione per irregolarità e/o incompletezza dell’istanza;
2. Sospensione per l’acquisizione di nulla-osta e/o pareri da parte di organi interni all’amministrazione o da parte di altri enti/amministrazioni;
3. Sospensione per comunicazione motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza.
4. Sospensione nei casi previsti dal vigente Regolamento comunale di disciplina dell’azione amministrativa e del diritto di accesso, consultabile nella sezione Regolamenti


Validità del provvedimento
Illimitata


Silenzio/assenso
No


Modulistica
La modulistica è quella allegata al bando approvato dalla Giunta Comunale e resa disponibile per l'occasione.

Il fac-simile per l'eventuale produzione di autocertificazioni è disponibile nella sezione Modulistica


Diritti di segreteria, bolli, tariffe
n. 1 marca da bollo sull'istanza


Per informazioni
Settore Assetto del Territorio - Servizio Urbanistica e SIT
Per contatti, recapiti e orari consultare la sezione Uffici e Servizi